L'essenziale se si va a Yosemite

Los imprescindibles si vas a Yosemite

Yosemite è un ottimo posto per allontanarsi da tutto questo tra le affollate città degli Stati Uniti. Si può godere di aria fresca, di viste spettacolari e di una flora e fauna meravigliose, si può anche vedere un orso!

QUANDO ANDARE

Se è vero che settembre è un periodo fantastico per andare a Yosemite, lo sono anche altri tempi. Per esempio, in inverno si può sciare, in aprile e maggio le cascate e i laghi sono al massimo della loro bellezza e in febbraio è l'unico momento in cui si può vedere il fenomeno delle "cascate di fuoco" a El Capitan.

COSA VEDERE

Per i grandi avventurieri e sportivi lo Yosemite è il luogo perfetto, perché nell'Half Dome si può salire oltre i 2.600 metri sul livello del mare. Per superare questa sfida bisogna essere preparati e saper scalare ed essere in buona forma fisica, ma ne vale certamente la pena.

Il Capitano è un'altra grande sfida per gli scalatori dello Yosemite. Le Yosemite Falls sono certificate come le più alte degli Stati Uniti, con una caduta di 739 metri dall'alto verso il basso.

A Mariposa Grove, poco prima dell'uscita sud del parco, si possono ammirare le sequoie giganti che compongono questa foresta, che è senza dubbio una delle grandi attrazioni di Yosemite. Infine bisogna recarsi al museo culturale indigeno, dove si può conoscere la storia delle tribù indigene della valle come i Miwok e i Paiute.

CULTURA E CURIOSITÀ

Questo incredibile parco naturale si trova a 320 km dalla città di San Francisco e nel 1984 è stato dichiarato patrimonio dell'umanità. Con i suoi oltre tremila chilometri quadrati, più del 90% è stato dichiarato selvaggio e senza una notevole presenza umana. Inoltre, un fatto impressionante è che questo parco ospita il 20% delle specie vegetali dell'intero stato della California, wow!

Questa spettacolare area nel 1864 era una riserva indiana, ma ha cambiato il suo status in un parco nazionale nel 1890. I rapporti indicano che i primi insediamenti possono essere avvenuti già 2000 anni fa. Da allora, le terre di Yosemite sono state sfruttate, la corsa all'oro, le guerre delle farfalle e molti altri incidenti umani. Ma era quasi inesplorato, in quanto era una barriera naturale contro i coloni.

Nel 1855 l'artista Thomas Ayres si recò nella valle insieme ad altre persone e nell'autunno di quell'anno fu pubblicato uno dei più famosi disegni delle cascate dello Yosemite. Ayres ha continuato a pubblicare immagini durante l'anno successivo e ha tenuto una mostra a New York. Da allora, il parco nazionale è stato fonte di ispirazione per artisti e fotografi.

COSA MANGIARE

A Yosemite non troverete molto cibo tradizionale, ma sicuramente lo troverete a San Francisco, che è a circa tre ore di distanza. Questa è una città multiculturale, e il suo porto ha fatto emergere dalla sua cultura culinaria mix molto curiosi.

Il Granchio Cioppino ne è un grande esempio. A base di granchio e frutti di mare, questa zuppa di origine italiana vi farà venire voglia di ripetere. Serviti in un brodo di pomodoro condito nel più puro stile italiano, le vongole e i gamberi ne esaltano il già particolare sapore. I batteri vengono utilizzati nella fermentazione del vino e della birra, che mescolati con il lievito conferiscono il particolare sapore aspro al Pane a lievitazione naturale, un pane saporito che accompagna i piatti principali.

La quintessenza del dolce californiano è probabilmente It's-it. Un panino gelato con la panna all'interno e ricoperto di cioccolato, molto simile ad alcuni gelati che si possono acquistare qui, ma con molto più sapore.


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione