Masai Mara, la riserva naturale più spettacolare del mondo

Masai Mara, la reserva natural más espectacular del mundo

Masai Mara, la riserva naturale del Kenya

Il Kenya è un luogo impressionante, sia per i suoi paesaggi che per l'incredibile varietà di gruppi indigeni. Se volete saperne di più su questa terra meravigliosa e sulla sua spettacolare riserva naturale, continuate a leggere!

QUANDO ANDARE

Tra luglio e ottobre è il momento di andare, poiché è la stagione secca e quando c'è più popolazione di fauna. A luglio è il mese in cui iniziano le migrazioni e vedrete gruppi di centinaia di animali andare verso luoghi più morbidi evitando possibili predatori, uno spettacolo naturale in piena forza.

COSA VEDERE

La sistemazione in questa zona è un po' costosa, in quanto il turismo safari è molto costoso, quindi quasi tutto è costituito da alberghi di lusso. Questi hotel-camps (con tende di lusso), hanno tutti i servizi di cui si può aver bisogno, dalle piscine alle boutique.

Potete fare un tour dei Bomas del Kenya, dove potrete dare un'occhiata alle 42 tribù che compongono l'impressionante cultura keniota. Qui imparerete di più sulla vita nei villaggi e su come sono composti, e potrete godervi le danze e la musica tradizionali. Non può mancare l'orfanotrofio degli elefanti di David Sheldrick, dove aiutano elefanti e rinoceronti rimasti orfani, spesso a causa dei bracconieri. Lì si prendono cura di loro e li riabilitano per restituirli al loro ambiente naturale.

Un'altra tappa a Nairobi deve essere il Museo Nazionale, dove si è sicuri di comprendere meglio il patrimonio del Kenya, e come la sua cultura si è formata nel corso della storia, e i suoi contrappunti agli storici colonizzatori. Hanno anche una galleria con 900 specie di uccelli, che sono un fan della fauna aviaria dell'Africa orientale.

CULTURA

Oltre ai parchi naturali, vedrete le tribù Maasai. In generale, si trovano in piccoli villaggi sparsi nella savana, e la cosa più vicina a una città è la Maasai Mara Town, che si trova vicino alla porta del parco. L'abito tradizionale Maasai si chiama shuka, si distingue nella savana con il suo colore rosso vivo, tutti i membri dei villaggi indossano dilatazioni con cerchi di legno e altri ornamenti colorati.

Ricordate che dovete essere rispettosi con la popolazione indigena, quindi per osservare tutti questi particolari campioni culturali potete accedere ai centri abitati che i Maasai hanno creato per poterli condividere con i turisti. Potrete vedere le loro capanne disposte in cerchio, il centro del villaggio è il luogo di incontro, e vi mostreranno come sono organizzate le manyattas (villaggi Maasai).

COSA MANGIARE

Se vi piacciono le birre, ordinate un Uki Uki Uki, che è fatto con il miele. Se sei più un tipo da vino, chiedi uno mnazi, che è vino di palma, è incredibilmente buono, ed è dolce, quindi stai attento quando lo bevi che potresti esagerare senza accorgertene.

Il wiki sukuma può sembrare uno spinaci, ma in realtà è un cavolo selvatico, e il suo sapore non ha nulla a che vedere con le verdure che Popeye ha mangiato. Un'altra cosa da provare è il Matoke, è purè di banana accompagnato da limone, e non si mangia come dessert! Si usa come salsa per accompagnare i piatti principali.

Troverete un sacco di ugali, che è un impasto di farina di mais, che viene servito come accompagnamento a molti piatti. È considerato il cibo di base nella parte orientale del continente, quindi non preoccupatevi che sarà ovunque andrete. Un altro piatto stellato è il mukino, che proviene dalla tribù Kikuyu ed è fatto con mais, piselli e purè di patate, con carne stufata e salsa.


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione